Lorenzo Gandolfo

 

 

Nacque a Mantova il 1° gennaio 1878. Allievo dell'Accademia Navale di Livorno dal 1894, nel 1897 conseguì la nomina a Guardiamarina e, dopo aver compiuto una lunga crociera addestrativa oceanica sull'incrociatore   Flavio Gioia, nel 1903 conseguì la promozione a Sottotenente di Vascello. Destinato a Pechino, quale Ufficiale Addetto alla Legazione italiana, si meritò un encomio. Nel 1905 fu promosso Tenente di Vascello e Capitano di Corvetta nel 1914, venendo inviato a prestare servizio presso la Direzione di Artiglieria dell'Arsenale Marittimo di Venezia. Nel 1915 fu destinato alla Sottodirezione di Munizionamento di La Spezia, dove il giorno 3 luglio 1916, scoppiato un violentissimo incendio su un treno carico di materiale esplodente (che minacciava il vicino deposito di Panigaglia), si prodigò nell'opera di spegnimento, distaccando i vagoni non ancora preda delle fiamme, operando con audacia e sprezzo del pericolo finché non trovò morte per lo scoppio avvenuto in uno dei vagoni che aveva isolato. Per questo eroico episodio fu insignito della medaglia d’oro al valor militare. E’ sepolto nel cimitero di Castellucchio.

«Accorreva prontamente e radunava militari e maestranze al pontile delle munizioni presso lo stabilimento Pirelli, sul quale erano parecchi vagoni carichi di esplosivi e uno di razzi che si era già incendiato. Conscio del grande pericolo che correva, con mirabile sangue freddo e giusto intuito, provvedeva ad organizzare opera di salvamento, cercando di spegnere l'incendio e di staccare i vagoni non ancora incendiati, fulgido esempio di eroismo ai dipendenti; e mentre attendeva a quest'opera mercé la quale si evitava disastro assai maggiore, cadeva gloriosa vittima della sua gloriosa abnegazione per lo scoppio avvenuto in vagoni isolati.»

La Spezia - Pontile Pirelli, 3 luglio 1916.

 

marina.difesa.it

wikipedia.it

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Pro loco Castellucchio Piazza A. Pasotti n° 46 46014 Webmaster: Franco Zaffanella