10 agosto 1740

 

In questo giorno il Parroco di Gabbiana Don Vincenzo Tirelli fa solenne benedizione dell’ Oratorio di San Lorenzo. Dopo la messa celebrata nella chiesa di Gabbiana con grande suono delle campane si riunirono quasi tutti i componenti della compagnia del Santissimo Sacramento, in numero di 30 e con altro popolo ancora si avviarono in Processione con il loro Stendardo, e Crocifisso, e con la Croce Parrocchiale inalberata verso l’oratorio da benedire cantando le litanie dei Santi, con altre preci. Insieme al parroco Vincenzo Tirelli vi sono: Leonardo Valenti Pontremolese Cappellano e Curato di Gabbiana, Don  Angelo Bonantoni pure abitante a Gabbiana. Avvicinandosi all’Oratorio con lo sparo di alcuni mortaretti e del suono della campanella, si procedette attorno alle dodici alla benedizione prima esternamente e poi internamente sempre con il suono della campanella e dello sparo dei mortaretti. Venne celebrata poi la messa con lo sparo di molti mortaretti. Nel dopo pranzo il superiore del Pio luogo della Misericordia proprietario di questo oratorio fece cantare il Vespro solenne  e pure del Te Deum in ringraziamento a Dio per aver compiuto quest’opera. Il costo dell’opera è stato possibile perché tale Giovanni Angelo Gelmetti in suo testamento  del 17 gennaio 1730 istituiva erede il Pio luogo detto della Misericordia (orfanatrofio femminile) imponendo al suo direttore di erigere in queste sue terre un oratorio decentemente ornato dei sacri arredi ad effetti di celebrarvi la perpetua messa festiva a suffragio delle anime del Purgatorio con le entrate e redditi della stessa proprietà.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Pro loco Castellucchio Piazza A. Pasotti n° 46 46014 Webmaster: Franco Zaffanella