Patti colonici di Castellucchio

Convenzione privata

L’anno millenovecentouno addì nove di aprile, i sottoscritti rappresentanti la Lega di miglioramento dei contadini di Castellucchio, ed i sottoscritti conduttori di fondi, dichiarono di accettare in ogni sua parte la presente convenzione, scadente il 28 febbraio 1902.

Tariffe dei braccianti

Gennaio – Febbraio      mercede giornaliera    L. 1,20

  Marzo – Ottobre         mercede giornaliera    L. 1,40

      Aprile                    mercede giornaliera    L. 1,50

                Maggio – Giugno – Luglio    mercede giornaliera    L. 2,10

       Agosto                  mercede giornaliera     L. 1,90

      Settembre              mercede giornaliera     L. 1,60

                Novembre – Dicembre        mercede giornaliera     L. 1,20

 

Orario

Nei mesi di gennaio, febbraio, novembre e dicembre dal levar del sole alle 4 pomeridiane, con riposo di un’ora a mezzogiorno. Marzo e settembre, dal levar del sole alle ore 6 pomeridiane, con il riposo di un’ora al mattino e un’ora e mezza al mezzodì. Aprile, maggio, giugno e luglio, dal levare al tramonto del sole, col riposo di un’ora al mattino e due a mezzodì. Agosto, dal levare alle sei pomeridiane, col riposo di un’ora al mattino e due a mezzodì. Ottobre, dal levare alle cinque pomeridiane, col riposo di un’ora al mattino e una e mezza al mezzodì. Nei mesi di maggio, giugno e luglio il lavoratore chiamato a prestare l’opera oltre l’orario stabilito, sarà retribuito in ragione di L. 0,25 all’ora.

 

Patti diversi

1 – Per lavori di mietitura e battitura il lavoratore avrà diritto del vitto ed una paga giornaliera di L. 2,50, nonché della predetta mietitura del frumento ed avena, di mezz’ora di riposo per il cosidetto  groto o antipasto in più dell’orario stabilito nei corrispondenti mesi, così pure di altra mezz’ora di riposo per la merenda pel mese di maggio, giugno e luglio.

2 – Per la falciatura dei prati stabili il padrone o conduttore del fondo somministrerà al lavoratore due litri di vino schietto e sano, non esclusi però i piccoli difetti di botte, oppure centesimi 25 al litro.

3 – Per la falciatura delle erbe e stramaglie i genere non che per la custodia di qualsiasi foraggio somministrerà invece soltanto un litro di vino alle condizioni suaccennate.

4 – Il lavoratore addetto alla irrorazione delle viti andrà esso a prendere l’acqua al carro, cessando così l’uso di portargliela lungo la vigna. Durante questo lavoro come pure per la zolfatura gli sarà somministrato un litro di vino come sopra.

5 – Zappatura e raccolto del granoturco o frumentone, oltre la paga giornaliera, il vitto.

6 – La semente dei bachi da seta sarà a carico del padrone e quest’ultimo somministrerà al lavoratore un quintale di legna grossa per l’allevamento relativo. Il prodotto sarà diviso a metà, come pure le altre piccole spese.

7 – Pei lavori di scalvo il lavoratore avrà diritto di una fascina di legna al giorno.

8 – Quando il lavoratore sarà obbligato a mangiare nei campi, avrà diritto alla legna sufficiente per riscaldare i cibi.

9 – Pei lavori a cottimo viene stabilito il 35 % in più dei vecchi contratti.

I signori proprietari e conduttori di fondi per ottenere i braccianti e lavoratori dovranno rivolgersi ai rappresentanti della lega e non potranno assumere altri contadini non soci, se non nel caso che la suddetta lega non ne avesse alcuno disponibile. Nel caso invece che la lega avesse lavoratori soci in esuberanza ai bisogni locali, sarà preferito il turno dei suddetti stabilendo due categorie di lavoratori. Quelli di prima, la paga giornaliera sarà come quella stabilità dalla precedente tariffa, e quelli di seconda, centesimi 20 meno sui mesi dal maggio a tutto settembre e centesimi 10 negli altri mesi.  Le spese della presente convenzione stanno a carico per metà ai sottoscritti conduttori di fondi.

 

Il comitato

Siliprandi Luigi – Messora Francesco – Peschiera Giovanni

 

Il movimento proletario nel mantovano – Ivanoe Bonomi – Carlo Vezzani – Milano 1901

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Pro loco Castellucchio Piazza A. Pasotti n° 46 46014 Webmaster: Franco Zaffanella